Via Firenze, 120 – 57121 Livorno T. +39 0586 426508 Vendita Lun 15–19.30 Mar-Ven 9–12.30 15-19 Sab 9-12.30 | Officina Lun-Ven 9–13 e 15–19

IMMATRICOLAZIONE DI UNA MOTO: QUANTO COSTA, COME FARE, COSA SERVE E QUANTO TEMPO CI VUOLE ?
Postato da AMMINISTRATORE il 13/07/2020

IMMATRICOLAZIONE DI UNA MOTO: QUANTO COSTA, COME FARE, COSA SERVE E QUANTO TEMPO CI VUOLE ?
L’immatricolazione è un passaggio obbligato, imprescindibile per ogni acquirente di una moto, e che è regolamentato dal Nuovo Codice della Strada. Che l’obiettivo sia una moto nuova, usata o precedentemente radiata non dimenticare allora di mettere in conto anche tempi e costi che riguardano questo aspetto. Non di grandissima entità ma comunque obbligatori e regolati secondo precise pratiche burocratiche. Solo una volta che tutte le pratiche saranno state assolte correttamente allora potrete salire in sella e partire!
Attenzione! Stiamo parlando solo di motocicli, veicoli quindi che superano i 50 centimetri cubici di cilindrata, e non di ciclomotori che, non avendo l’obbligo dell’iscrizione al PRA, hanno un iter diverso e più semplificato.

Come fare
L’atto di immatricolare di una moto rappresenta l’idoneità per la messa in strada, significa quindi che il mezzo possiede tutti i requisiti necessari per viaggiare ed essere usato regolarmente. L’ufficio a cui ci si deve rivolgere per avviare le domanda è la Motorizzazione Civile, e suddetta domanda deve essere accompagnata dall’iscrizione PRA, il Pubblico Registro Automobilistico.
È buon uso da parte del concessionario che vi vende una moto nuova espletare anche tutte le pratiche necessarie. Questa è di solito la prassi ma chiedete conferma per non avere spiacevoli sorprese.

Cosa serve
I documenti richiesti per poter immatricolare la moto sono i seguenti:  

- Documento d’identità in corso di validità, codice fiscale. dichiarazione sostitutiva di certificazione di residenza, qualora questa non sia riportata sul documento d’identità
- Modello NP2C, necessario per l’iscrizione al PRA
- Modello N2PD, per la compilazione dell’atto di vendita
- Domanda già compilata e firmata dall’acquirente del modulo TT2119
– Dichiarazione di conformità o certificato di conformità europeo con omologazione italiana o certificato di conformità europeo accompagnato dalla dichiarazione di immatricolazione rilasciati dalla casa costruttrice;

Una volta forniti al concessionario i documenti richiesti è poi il rivenditore stesso a incaricare un’agenzia per compiere i passi successivi per immatricolare il veicolo all’ufficio provinciale della Motorizzazione Civile e iscriverlo al Pubblico Registro Automobilistico o PRA.

Quanto costa
Per finalizzare l’immatricolazione devono essere sostenuti dei costi previsti dalla legge. Andiamo a elencare quali sono:

- Imposta Provinciale di Trascrizione (IPT): una tassa il cui importo varia a seconda della Regione di residenza
- Emolumenti ACI: 27 euro
- Imposta di bollo per l’iscrizione al PRA: 32 euro
- Diritti DTT più aggiunta dei versamenti postali: 9 euro
- Imposta di bollo per il rilascio della carta di circolazione: 32 euro
- Costo della targa, variabile a seconda del tipo di veicolo e della relativa targa

Riepilogando in totale i costi fissi ammontano a circa 100 euro, a cui vanno aggiunte le spese variabili per l’IPT e per il rilascio della targa.

Quanto tempo ci vuole
Una volta inoltrata la richiesta alla Motorizzazione e mandata l’iscrizione al PRA, e dopo aver sostenuto le spese, non resta che attendere.
I tempi di immatricolazione sono solitamente brevi, di solito compresi tra i 3 e i 5 giorni lavorativi, per permettere che venga assegnata la targa e che i pagamenti siano correttamente depositati.
Infine, posto che il veicolo sia in regola anche con l'Assicurazione RC obbligatoria, terminata tutta questa procedura si può finalmente saltare in sella, girare la chiave e accendere il motore!